Divertimento da bagno vicino al torrente - le terme di Pfäfers e Ragaz
Documento archivistico del mese maggio 2024
Archivio di Stato del Cantone San Gallo

Chi cammina lungo le pareti rocciose all’ombra della Gola della Tamina può pensare a molte cose: al drago della Canzone dei Nibelunghi o alla potenza delle fredde masse d’acqua che scrosciano lungo la gola, ma sicuramente non al nuoto. Un motivo in più per meravigliarsi di una sorgente la cui acqua sgorga dalla roccia alla temperatura di una vasca da bagno.

Anche il cacciatore che si dice abbia scoperto la sorgente nell’anno 1240 deve essere rimasto stupito. “Il bagno di Pfäfers fu scoperto solo trecento anni fa da un cacciatore […] che andava a caccia di giovani uccelli […]”, scrisse Aegidius Tschudi sull’evento nel 1538. Già nella seconda metà del XIV secolo, l’Abbazia di Pfäfers vi costruì uno stabilimento termale, poiché si diceva che l’acqua avesse proprietà curative. Anche il teologo medievale Felix Hemmerli attestò che l’acqua della sorgente Pfäfers aveva poteri curativi e aumentava la fertilità.

Dopo che la sorgente termale era stata utilizzata dall’Abbazia di Pfäfers per 450 anni, il Grosser Rat (parlamento) del Cantone di San Gallo decise di abolire l’abbazia nel 1838, il che significa che l’amministrazione delle terme era ora di competenza del Cantone. Già nell’inverno del 1838/39, il Kleiner Rat (governo) commissionò la costruzione di una strada da Ragaz a Pfäfers. Lungo questa strada, una conduttura doveva trasportare l’acqua termale della sorgente per oltre quattro chilometri nella valle per alimentare le terme dell’Hof di Ragaz. Dopo soli nove mesi, l’edificio è stato inaugurato con un’imponente cerimonia alla quale hanno partecipato l’intero Grosser Rat e il Kleiner Rat e migliaia di altri ospiti.

Consapevole dell’importanza economica e culturale della sorgente curativa, nel 1842 Johannes Tribelhorn creò una collezione di litografie a fini pubblicitari, conservate nell’Archivio di Stato di San Gallo. Le tre stampe illustrano il fascino che le persone esercitavano su questo fenomeno naturale, che utilizzavano a scopo curativo e ricreativo. Altre copie possono essere consultate nella nostra sala di lettura digitale.

Anjo Stehrenberger, Archivio di Stato di San Gallo

Fonti: Archivio di Stato di San Gallo: Bad Pfäfers ZMH 55/2.015 I Bad Pfäfers ZMH 55/2.016 I Bad Pfäfers ZMH 55/2.029

Letteratura: Hermann Strehler et al., Bad Pfäfers und Bad Ragaz 1868–1968. San Gallo, 1968. I Werner Vogler, Bad Pfäfers und Bad Ragaz im Jahre 1842, s.d.

Altri documenti archivistici del mese

Documento archivistico del mese marzo 2024
Documento archivistico del mese febbraio 2024